Viale Giuseppe Mazzini 119  RM (Prati)

 

iconmailpaolacoppola

+39 335 690 3506

Via dei Sanniti, 442 Atina (FR)

Via Rubicone, 15 RM (Parioli)

paola.coppola.nutrizione@gmail.com

paola.coppola.nutrizione@gmail.com

iconmailpaolacoppola

+39 335 690 3506


facebook
linkedin
instagram
logopersitoweb3

Disbiosi

06-04-2023 09:50

Paola Coppola

Disbiosi

Come scoprire se sei in disbiosi intestinale

newsletter-dispiosi-ecosalute_600x.webp

La disbiosi intestinale è una condizione comune che coinvolge l'equilibrio dei batteri nell'intestino.
Secondo uno studio pubblicato su Plos One, più del 50% degli italiani soffre di disbiosi intestinale.
Questo disturbo può causare vari problemi di salute, tra cui malattie infiammatorie croniche, problemi metabolici e disturbi gastrointestinali.
Molte cause possono portare alla disbiosi intestinale, come antibiotici, una dieta poco sana, stile di vita sedentario e stress. Alcuni sintomi che indicano la presenza di disbiosi intestinale sono gonfiore addominale, flatulenza, diarrea o stitichezza, disturbi del sonno, dell'umore e del sistema immunitario.
Il modo migliore per scoprire se si soffre di disbiosi intestinale è effettuare un test delle feci. Questo tipo di test può fornire informazioni preziose sulla salute dell'intestino, analizzando la presenza e la quantità di microrganismi nell'intestino. Anche se i sintomi possono essere una guida, solo un test delle feci può confermare una diagnosi.
Per prevenire o curare la disbiosi intestinale, è importante adottare uno stile di vita sano. Ciò include una dieta ricca di fibre, probiotici e prebiotici, evitando cibi altamente trasformati e zuccherati. Anche lo stress può contribuire alla disbiosi intestinale, quindi è importante cercare modi per ridurre il livello di stress nella propria vita, come yoga, meditazione o passeggiate nella natura.
Un'altra strategia per prevenire o curare la disbiosi intestinale è rivolgersi a un nutrizionista o dietologo. Questi professionisti possono aiutare a individuare i cibi giusti per promuovere la salute dell'intestino, migliorare la digestione e ridurre i sintomi. Inoltre, un nutrizionista può consigliare integratori specifici,
come probiotici e prebiotici, per aiutare a ripristinare l'equilibrio dei batteri nell'intestino.
In sintesi, la disbiosi intestinale è un problema diffuso in Italia e può essere associata a una serie di disturbi di salute. Effettuare un test delle feci e adottare uno stile di vita sano può aiutare a prevenire o trattare questa condizione, ma la soluzione migliore rimane comunque affidarsi ad un nutrizionista, per trattare questa condizione nella maniera più sicura e corretta.

1220-7.png8819-8.png1723-9.png10.png9187-11.png1758-5407-12.png

© Dott.ssa Paola Coppola, Via Candia n.89 00192 - (RM) - C.F. CPPPLA72S65A486U - P.IVA 02321770600 - paola.coppola.nutrizione@gmail.com

Disegno G Tech Group - Sviluppo Gianluca Gentile

Disegno e sviluppo G Tech Group